La Sclerosi Multipla informazioni, approfondimenti e news dalla ricerca
SOS EMERGENCY Aiutaci a non smettere La Sclerosi Multipla .net

dividers
Users Online: 77 Venerdì, 22 Novembre 2019 18:45:00
La Sclerosi Multipla informazioni, approfondimenti e news dalla ricerca

La gestione della fatica nella Sclerosi Multipla  
Gestione della fatica

Esistono diverse strategie per trattare la fatica attraverso l’integrazione di trattamenti farmacologici, consigli nutrizionali, terapia riabilitativa, fisioterapia, crioterapia, terapia occupazionale e apprendimento di strategie di risparmio energetico.
L’aspetto più importante, per superare la stanchezza è, in generale, il saper gestire se stessi e le proprie energie, in maniera sempre adeguata.


Trattamenti non farmacologici

La terapia fisica si basa soprattutto sull'esercizio aerobico: si è dimostrato che 30 minuti di esercizio riducono la sensazione di fatica. L'esercizio fisico migliora il respiro e il battito cardiaco, la funzione muscolare, la mobilità e anche le funzioni intestinali e della vescica. Il tipo di esercizi, la loro durata, i periodi di recupero devono essere adattati alle esigenze individuali. Va comunque evitato l'eccesso di spesa energetica.
Anche il normale carico di lavoro quotidiano andrebbe adeguatamente distribuito durante il giorno, alternando sufficienti periodi di riposo.
È molto importante prevedere riposi in funzione della tolleranza allo sforzo. Il tempo di recupero è minimo se il riposo viene effettuato prima dell’affaticamento. L'obiettivo è minimizzare la fatica attraverso la conservazione dell’energia.
Va poi evitato lo sforzo intenso per evitare gli effetti negativi sulla fatica legati al conseguente incremento della temperatura corporea che rallenta la conduzione nervosa nelle fibre parzialmente demielinizzate. Anche un piccolo aumento della temperatura può causare cambiamenti del tono muscolare o peggiorare sintomi già esistenti. L’esercizio fisico va eseguito in un ambiente freddo, si devono bere liquidi freddi per mantenere il corpo ben idratato ed abbassare la temperatura.
Anche la tecnica yoga si è dimostrata in grado di migliorare la percezione di fatica, se seguita in modo regolare per un periodo di almeno sei mesi. Lo yoga sortisce anche un leggero miglioramento sul tono dell’umore.

La fatica da SM è sensibile al calore; per questo si sono sperimentate tecniche di raffreddamento come la crioterapia (terapia del freddo).
Abbassando la temperatura corporea si ottiene una riduzione dei blocchi nella conduzione nervosa. In pratica migliorando la trasmissione degli impulsi elettrici si dovrebbe sortire un miglioramento della sintomatologia. Sono stati fatti alcuni studi usando giubbotti refrigeranti con beneficio della fatica. In altri studi si sono usate docce fredde, impacchi locali di ghiaccio, assunzione di bibite fresche, climatizzatori per controllare la temperatura dell’ambiente.

La terapia occupazionale

La terapia occupazionale è volta a favorire l’integrazione sociale e lavorativa utilizzando tecniche per incrementare e sfruttare le abilità residue dell’individuo con ausili, ortesi e adattamenti ambientali. Si insegnano tecniche per gestire al meglio le energie minimizzando lo sforzo e applicando strategie di risparmio energetico.


©2009 - DM | Contact Webmaster





La Sclerosi Multipla informazioni, approfondimenti e news dalla ricerca
News sul sito
Aggiornamento sezione dedicata alla CCSVI (Dic 2016)

Statistica e rappresentazioni grafiche delle correlazioni tra anzianità di malattia, terapie, riacutizzazioni e EDSS

22/05/09 News: Cannabis: Nuovo studio della Fondazione Santa Lucia in collaborazione con l’Università di Teramo

Inserita la possibilità di dare un voto di qualità sui Centri diagnosi e cura per la SM e di inserire dei commenti

Aggiunta la possibilità di inserire commenti sulla propria esperienza con i farmaci