La Sclerosi Multipla informazioni, approfondimenti e news dalla ricerca
SOS EMERGENCY Aiutaci a non smettere La Sclerosi Multipla .net

dividers
Users Online: 61 Venerdì, 14 Dicembre 2018 20:29:32
La Sclerosi Multipla informazioni, approfondimenti e news dalla ricerca

Il Laquinimod  
Incoraggianti risultati del trattamento con Laquinimod nella Sclerosi Multipla recidivante-remittente

Uno studio di fase 2b ha mostrato, che un nuovo farmaco sperimentale Laquinimod al dosaggio di 0.6 mg/die è in grado di ridurre in modo significativo l’attività di malattia alla risonanza magnetica per immagini ( MRI ), nei pazienti con Sclerosi Multipla recidivante-remittente.
Laquinimod si assume per os; tutti i farmaci attualmente in commercio per il trattamento della Sclerosi Multipla recidivante-remittente sono per via iniettiva.
Laquinimod è un derivato di Roquinimex ( Linomide ), un farmaco che non è stato mai approvato a causa dei gravi effetti indesiderati ( infarto miocardico, pericardite, sierosite ).
Nello studio di fase 2b, coordinato da Giancarlo Comi dell’Ospedale San Raffaele di Milano, sono stati confrontati due dosaggi di Laquinimod, 0.3 mg/die e 0.6 mg/die, ed il placebo, in 306 pazienti affetti da Sclerosi Multipla recidivante-remittente.
Questi pazienti dovevano aver avuto una o più recidive nell’anno precedente all’arruolamento ed almeno una lesione captante il gadolinio all’MRI.
E’ stato osservato che il dosaggio di Laquinimod di 0.6 mg/die ha prodotto una riduzione, statisticamente significativa, del 40.4% nel numero di lesioni captanti il gadolinio in almeno 4 scansioni, rispetto al placebo.
Non è invece risultata statisticamente significativa la differenza tra Laquinimod 0.3 mg ed il placebo.
Entrambi i dosaggi di Laquinimod sono risultati ben tollerati; sono stati riscontrati solo transitori aumenti dei livelli degli enzimi epatici.
Nel corso dello studio si sono presentati due gravi eventi avversi, attribuiti a Laquinimod.
Un paziente ha manifestato la sindrome di Budd-Chiari, una rara malattia vascolare del fegato, dopo esposizione per 1 mese al farmaco; il paziente era eterozigote per la mutazione del fattore V di Leiden, ed è stato sottoposto a trattamento anticoagulante.
L’altro paziente ha presentato un aumento dei livelli degli enzimi epatici dopo 1 mese di esposizione a Laquinimod, che hanno raggiunto il picco a 3 mesi, senza manifestazione di segni clinici di danno epatico.
In un editoriale, Ricercatori della Mayo Clinic di Rochester negli Stati Uniti, hanno dichiarato che sono necessari studi head-to-head per valutare il reale beneficio di Laquinimod, rispetto ai farmaci esistenti per la Sclerosi Multipla recidivante-remittente ( Glatiramer, Interferone beta1a, Natalizumab ).

Fonte: The Lancet, 2008





©2009 - DM | Contact Webmaster






La Sclerosi Multipla informazioni, approfondimenti e news dalla ricerca
News sul sito
Aggiornamento sezione dedicata alla CCSVI (Dic 2016)

Statistica e rappresentazioni grafiche delle correlazioni tra anzianità di malattia, terapie, riacutizzazioni e EDSS

22/05/09 News: Cannabis: Nuovo studio della Fondazione Santa Lucia in collaborazione con l’Università di Teramo

Inserita la possibilità di dare un voto di qualità sui Centri diagnosi e cura per la SM e di inserire dei commenti

Aggiunta la possibilità di inserire commenti sulla propria esperienza con i farmaci