La Sclerosi Multipla informazioni, approfondimenti e news dalla ricerca
SOS EMERGENCY Aiutaci a non smettere La Sclerosi Multipla .net

dividers
Users Online: 61 Venerdì, 14 Dicembre 2018 20:29:35
La Sclerosi Multipla informazioni, approfondimenti e news dalla ricerca

Le staminali del figlio  
CELLULE, MADRI E... FIGLI

Corrono in aiuto della madre (e non solo durante la gravidanza) le cellule staminali del feto.
Se la donna incinta è malata di epatite virale, molte cellule staminali del bambino si trasformano in cellule epatiche per poter rigenerare il fegato materno. Se la gestante ha un infarto, parte delle cellule staminali del feto si trasferiscono nel corpo della madre e diventano cellule miocardiche.
Insomma, in caso di emergenza, le cellule staminali del feto attraversano la placenta e si mettono a disposizione dell'organismo materno.
Non hanno certo la capacità di ricostituire l'intero tessuto malato. Ma bastano a guarire piccole lesioni.
E dimostrano che il feto non è un parassita nel grembo della madre", spiega il professor Salvatore Mancuso, del Policlinico Gemelli.
Ad individuare cellule staminali del feto nel corpo della madre è stata, in Usa, Diane Bianchi, figlia di italiani, professoressa di Pediatria e Genetica al Massachusetts General Hospital di Boston.
A una donna in gravidanza è stato asportato un gozzo tiroideo e l'intervento ha rivelato che il 50 per cento delle cellule tiroidee della donna proveniva dal bambino.
Cellule staminali del feto si erano trasformate in cellule tiroidee per tentare di sostituire le tiroidee malate della madre.
Insieme con altri Centri, l'équipe del Gemelli sta cercando di scoprire le più profonde ragioni biologiche che spiegano la trasformazione delle cellule staminali del feto in cellule della tiroide, del fegato o del cuore della mamma.
Perché migrano e si trasformano queste cellule? Prima di tutto, per far sì che l'organismo materno tolleri la presenza del bambino, che è un organismo estraneo (per il 50 per cento contiene patrimonio genetico di provenienza paterna).
Inoltre, proteggendo la salute della mamma, il feto accresce le probabilità di completare il proprio sviluppo. Le staminali del bambino si dirigono nel midollo osseo materno, lo colonizzano e rimangono lì per tutto il resto della vita della donna.
"La madre avrà sempre nel suo organismo le cellule staminali del figlio.
Ne deriva che le donne conservano l'unità del patrimonio genetico dell'umanità", commenta il professor Mancuso.


Convegno alla Cattolica: le staminali del figlio «curano» la madre durante la gravidanza

Il ginecologo: «attraversano la placenta e riparano gli organi malati»

ROMA - Fa bene la futura mamma ad accarezzarsi il pancione. Un gesto d’affetto e di ringraziamento verso il bambino che ancor prima di nascere si prende cura di lei. Proprio così.
Fin dai primi giorni di vita il piccolo essere in sviluppo rilascia delle cellule staminali che oltrepassano la placenta, penetrano nell’organismo materno e fungono da soccorritrici, per anni, andando a sistemarsi laddove sono necessarie.
Ad esempio nel cuore se la donna ha l’infarto, o nel fegato se ci sono problemi epatici.
«Queste cellule inviate dal feto si specializzano e sono rintracciabili anche dopo 30 anni perché si posizionano in vari organi formando delle chimere, una ricombinazione di cellule madre-figlio», spiega Salvatore Mancuso, ginecologo dell’Università Cattolica, riassumendo studi divulgati nel recente convegno di genetica a Praga.
Un’altra delle inesplorate potenzialità delle più primordiali fra le nostre cellule, le staminali, corteggiate dalla scienza perché attraverso di esse si spera di mettere a punto terapie per malattie degenerative per le quali oggi non c’è soluzione, come Parkinson, cirrosi epatica, Alzheimer, Corea di Huntington, infarto del miocardio

Le staminali sono cellule indifferenziate che riproducendosi hanno la capacità di trasformarsi in vari tipi di cellule specializzate, come quelle cardiache, nervose, della pelle o del cervello.
Queste cellule sono presenti in gran numero nell’embrione materno: è dimostrato infatti che durante la gravidanza il feto invia le proprie cellule staminali alla madre e che queste intervengono in suo soccorso collocandosi nei tessuti danneggiati da una patologia per ristrutturali e rigenerarli.

Il prof. Salvatore Mancuso a questo proposito ha parlato delle cellule staminali che l'embrione "passa" alla madre nel corso della gravidanza: ne sono state ritrovate ancora a 30 anni di distanza da quell'evento, collocate in punti dove la donna aveva delle lesioni o dove avrebbe in seguito sviluppato una patologia.

Vedi anche:
http://www.kwsalute.kataweb.it/Notizia/0,1044,3054,00.html

... Le cellule staminali sono presenti in gran numero nell’embrione materno, infatti, è risaputo che durante la gravidanza, il feto è in grado di "inviare" le proprie cellule staminali alla madre e che queste possono ristrutturare e rigenerare i tessuti danneggiati da una patologia ...


Intervista a Diana Bianchi sullo strano ruolo delle staminali fetali

28/04/2005

è una donna, negli Stati Uniti, ad aver scoperto che in natura la sperimentazione sulle cellule staminali embrionali è già molto più avanti rispetto a quella che si conduce in modo tanto tormentato nei laboratori di ricerca. Si chiama Diana Bianchi e ha chiare origini italiane: il cognome è quello del padre, emigrato a New York da San Colombano al Lambro (in provincia di Milano) nei primi anni cinquanta.

Alcune cellule fetali rimangono nel sangue materno per molti anni (fino a 27) dopo la gravidanza.
E non restano solo nel sangue;
a quanto pare si ritrovano anche in alcuni organi della madre e con un ruolo quanto mai singolare: quello di indispensabili pezzi di ricambio.


Come è possibile che cellule del feto resistano così a lungo nel sangue materno?

Queste cellule hanno le caratteristiche tipiche delle cellule staminali: hanno la capacità di riprodursi rapidamente; normalmente restano nel sangue, nel midollo osseo o nella milza, ma se c'è bisogno possono recarsi in un organo malato e ripopolare.

Cosa significa "ripopolare"?

Significa che possono essere utilizzate come materia prima per rigenerare parti dell'organo.
Per esempio, noi abbiamo studiato donne, madri di figli maschi, con malattie alla tiroide.
Nella parte sana dell'organo le cellule fetali (riconoscibili perché di tipo maschile) restano nel sangue, ma nella parte malata le stesse cellule si trasformano in cellule della tiroide, per curare la lesione. La tiroide diventa così una sorta dichimera, formata da un miscuglio di cellule d'origine materna e fetale.
Dal mio punto di vista, questa è la prova evidente che le cellule fetali hanno un ruolo nel riparare le malattie della madre.

E se fosse il contrario? Non potrebbero essere le cellule fetali a creare il danno?

Ce lo siamo chiesto. Nei topi abbiamo incrociato femmine e maschi modificati con marcatori genetici che rendessero riconoscibili le cellule fetali e abbiamo poi indotto danni corporei alle madri.
Le cellule fetali si recano dove si induce la lesione ed esprimono geni specifici.
Abbiamo anche cercato le cellule fetali nei tumori e ne abbiamo trovate poche.
Sempre in quantità tali da far pensare che non siano state loro a creare il tumore.
C'è chi sostiene che queste cellule possano essere all'origine di malattie autoimmuni, più frequenti nelle donne che negli uomini.
Non è mai stata trovata alcuna prova di questo, anche se in alcuni casi sitrova un aumento delle cellule fetali in donne affette da malattie autoimmuni.
Noi riteniamo che le cellule fetali si trovino lì perché stanno reagendo contro il processo patologico, non perché lo stanno causando.

In sostanza più effetti positivi che negativi?

Noi la pensiamo proprio così: si tratta di un dono naturale che la madre riceve con la gravidanza.
E dato che la gravidanza è molto impegnativa in termini fisici (il feto deve essere nutrito a lungo, il parto comporta perdita di sangue), è bello credere che vi sia un tornaconto.
Anche da un punto di vista evolutivo si può pensare che qualsiasi feto "desideri" che la propria madre sopravviva, per cui è sensato che esistano meccanismi per assicurarne la salute.

Questo potrebbe anche spiegare perché le donne sono più longeve degli uomini?

Ce lo siamo chiesto: in quasi tutti i paesi del mondo le donne vivono più a lungo degli uomini, ma perché? Nessuno realmente lo sa. Nessuno si è mai posto la domanda se ciò riguardi tutte le donne o solo quelle che hanno avuto figli.

Tempo Medico
©2009 - DM | Contact Webmaster





La Sclerosi Multipla informazioni, approfondimenti e news dalla ricerca
News sul sito
Aggiornamento sezione dedicata alla CCSVI (Dic 2016)

Statistica e rappresentazioni grafiche delle correlazioni tra anzianità di malattia, terapie, riacutizzazioni e EDSS

22/05/09 News: Cannabis: Nuovo studio della Fondazione Santa Lucia in collaborazione con l’Università di Teramo

Inserita la possibilità di dare un voto di qualità sui Centri diagnosi e cura per la SM e di inserire dei commenti

Aggiunta la possibilità di inserire commenti sulla propria esperienza con i farmaci